Ruba due candelieri in chiesa per tornare in carcere, denunciato un 35enne

Ha rubato due candelieri in ottone nella chiesa di San Ruffillo a Bologna per farsi «rispedire in carcere. È la confessione di un uomo di 35 anni italiano denunciato ieri dai carabinieri di Bologna per furto aggravato. Dopo il furto il parroco della chiesa del luogo si era rivolto ai carabinieri che hanno capito che dietro al furto c’era probabilmente la mano di quell’uomo conosciuto per questo tipo di reati. In una perquisizione a casa del 35enne, i due candelieri in ottone sono stati ritrovati all’interno di un zaino che l’uomo ammetteva di aver rubato e nascosto perché voleva commettere un reato per tornare in carcere. Inoltre, il reo-confesso, ha ammesso di aver recentemente decapitato la scultura di una statuina raffigurante la madonna, situata all’esterno della chiesa e venerata da tutto il quartiere. La refurtiva è stata sequestrata dai carabinieri in attesa della restituzione che avverrà questa mattina nella chiesa di via Toscana, in occasione della Santa Messa domenicale.

Condividi