La Tv manipola i bambini, in scena all’Arena del Sole “Maleducazione transiberiana”

Da Mery Poppins a Peppa Pig, da Cenerentola a Holly e Benji: fiabe, canzoni e film che influenzano la visione dei bambini. Sono i temi di “Maleducazione transiberiana”, lo spettacolo scritto da Davide Carnevali che andrà in scena al Teatro Arena del Sole di Bologna dal 14 al 17 marzo in cui l’autore presenta i meccanismi della televisione che manipolano il bambino ridotto a semplice consumatore di mercato. 

Ogni storia è un’immagine parziale della realtà, filtrata attraverso una prospettiva ideologica, che emerge attraverso la strategia di narrazione. Il bambino, la cui personalità è ancora in costruzione e la cui mente è più vulnerabile alle strategie di comunicazione, è infatti il ricettore più esposto ai rischi della manipolazione del linguaggio. 

Protagonisti in scena nello spettacolo di Carnevali ci saranno Fabrizio MartorelliSilvia Giulia MendolaFederico Manfredi. La rappresentazione diventa un momento di confronto con i più piccoli, sui loro sogni e desideri futuri, considerando diversi punti di vista sulla pedagogia per giungere alle politiche di de-regolarizzazione attuate negli Stati Uniti che hanno aperto la strada al marketing per l’infanzia. “Maleducazione transiberiana” propone una combinazione di differenti codici estetici che comprendono il dialogo a quarta parete, il monologo diretto al pubblico, la proiezione video e il coinvolgimento dello spettatore nel dibatto. 

«In teatro possiamo restituire la realtà delle cose all’esperienza e salvarla dagli usi impropri del linguaggio. Il tutto, sempre con molta ironia. Facendo pensare, ma anche facendo ridere. Perché tutti noi abbiamo fatto esperienza, nei nostri primi anni di scuola, che non c’è miglior stimolo alla riflessione che il divertimento» ha affermato Carnevali.

 

Condividi